#avvocati Cassa Forense: nuova procedura per il rilascio dei DURC online

Cassa Forense comunica che è disponibile, per gli iscritti, una nuova procedura telematica per la gestione e l’emissione della certificazione di regolarità dichiarativa/contributiva sostitutiva del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC), disponibile nella sezione “Accessi Riservati/Posizione Personale/Istanze on line/Richiesta DURC” del sito della Cassa. Il rilascio del DURC potrà avvenire in tempo reale o, nei casi in cui sia necessario un intervento dell’operatore, al massimo entro 30 giorni.

#notizie Assegni senza «non trasferibile» con sanzioni minime

Con la conversione del decreto legge 119/2018, avvenuta in via definitiva ieri alla Camera, sono arrivate le attese risposte legislative per attenuare le penalità irrogabili per gli errori minori e per prevedere una migliore proporzionalità tra importi trasferiti e le pesanti sanzioni della disciplina antiriciclaggio relativi all’emissione di assegni senza clausola di non trasferibilità.

#Avvocati Gestione separata INPS. Cassazione: contributi dovuti

La Corte di cassazione si è finalmente espressa sulla discussa questione concernente l’obbligo di iscrizione alla Gestione separata presso I’INPSdegli avvocati non iscritti obbligatoriamente alla Cassa di previdenza forense, alla quale hanno versato esclusivamente un contributo integrativo in quanto iscritti agli albi.

La Suprema corte, con sentenza n. 32167 depositata il 12 dicembre 2018, ha ritenuto di dover dare seguito a quanto già deciso in sede di legittimità con riferimento alla categoria professionale degli ingegneri ed architetti, in ordine ai quali è stata affermata la sussistenza dell’obbligo in discorso.

#avvocati Fattura elettronica 2019: esonero Regimi forfetari fino a 65 mila euro

Le partite Iva andranno incontro ad alcune novità a partire dal prossimo anno: l’obbligo di fattura elettronica 2019 e l’estensione del regime forfetario, con aliquota al 15 per cento, per i ricavi compensi fino a 65 mila euro. Potrebbe ampliarsi notevolmente quindi la platea di professionisti che aderiranno a questo regime agevolato.

In particolare il Senato ha approvato il testo di legge di conversione del Decreto fiscale, con tutta una serie di novità fiscali, tra cui proprio alcune semplificazione in termini di e-fattura

#notizie Fattura elettronica, ecco la mappa degli esclusi dall’obbligo

Anche senza proroga, dal 1° gennaio dell’anno prossimo cinque partite Iva su dieci non saranno obbligate a emettere fatture elettroniche. Tra l’allargamento del regime forfettario, i soggetti che fanno solo scontrini e le esclusioni ora in discussione in Parlamento, l’obbligo riguarderà metà dei 5,8 milioni di titolari di partita Iva (imprenditori individuali, professionisti, società ed enti non commerciali). Gli esclusi, comunque, non dovranno disinteressarsi completamente del nuovo obbligo, perché potranno comunque trovarsi a ricevere fatture elettroniche dai propri fornitori.

#diritto Minimi e forfetari: nessun obbligo di conservazione Fattura elettronica 2019

Secondo quanto previsto dalla normativa che ha istituto l’obbligo della fattura elettronica, in vigore dal prossimo gennaio, sono esonerati dall’emissione del documento elettronico i contribuenti (imprese e lavoratori autonomi) che rientrano nel cosiddetto “regime di vantaggio” (art. 27, commi 1 e 2, del D.L. n. 98 del 6 luglio 2011) e quelli che rientrano nel “regime forfettario” (art. 1, commi da 54 a 89, della Legge n. 190 del 23 dicembre 2014).