Un condomino vittima di soprusi da parte del vicino può anche improvvisarsi sceriffo e risolversi il caso da solo. Parola di Cassazione.

Con una sentenza depositata in questi giorni, infatti, la Sesta sezione penale della Corte (sentenza 2548/2010) occupandosi di una lite condominiale nata per questioni di parcheggio ha affermato che “la difesa privata di un proprio diritto di possesso, anche con il ricorso all’uso di una violenza reale, e’ consentito a chi subisca un fatto vanificante tale diritto (spoglio), allorche’ l’autodifesa segua senza soluzione temporale nell’attualita’ e nell’immediatezza l’azione lesiva” subita. Insomma ci si può difendere ma occorre farlo subito. Sulla scorta di tale principio la Corte ha annullato una condanna per esercizio arbitrario delle proprie ragioni che i giudici di merito avevano inflitto ad un condomino che trovandosi nell’impossibilità di accedere al parcheggio condominiale per via di un lucchetto (apposto sul cancello d’ingresso) e di un paletto (che il suo rivale aveva apposto per delimitare il suo posto), aveva deciso di risolvere la cosa a modo suo rimuovendo il paletto con le sue mani e senza interessare il Tribunale. Inizialmente il condomino che si era fatto giustizia da solo era stato condannato in primo e in secondo grado per il reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni punito dall’art. 392 c.p. La Cassazione al contrario ha ribaltato il verdetto riconoscendo che l’imputato rimuovendo paletti e lucchetto aveva esercitato una “legittima difesa” a fronte “a una ingiusta aggressione al libero esercizio del proprio diritto di transito in uno spazio condominiale comune”.

Fonte: studiocataldi.it