La confisca del veicolo seguente al rifiuto di sottoporsi all’accertamento del tasso alcolemico è una sanzione penale accessoria, e non più una semplice sanzione amministrativa. Lo hanno stabilito lo scorso 25 febbraio le Sezioni unite penali della Corte di Cassazione, chiamate a esprimersi sul caso di un uomo di Pordenone che, fermato dalla Polizia Stradale in evidente stato di ubriachezza, si era rifiutato di sottoporsi al test alcolemico. Con la sentenza, la Cassazione ha dato un giro di vite alle sanzioni contro la guida in stato di ebbrezza.