La Corte, mutando il proprio precedente indirizzo, ha ritenuto che il passaggio in giudicato della sentenza di separazione giudiziale (o di omologa di quella consensuale) non è condizione di procedibilità della domanda giudiziaria di scioglimento della comunione legale e relativa divisione dei beni, ma condizione dell’azione; di conseguenza, è sufficiente che tale condizione sussista al momento della pronuncia.
Testo Completo: Sentenza n. 4757 del 26 febbraio 2010