Il Giudice di Pace deve valutare in concreto il pericolo dell’opponente di essere sottoposto a persecuzione in caso di rientro nel Paese di origine.

Ordinanza della Corte di Cassazione del 3 maggio 2010 n°10636