Senza oneri per gli Avvocati la consultazione dei ricorsi civili e penali in Cassazione

Siglato il protocollo d’intesa tra Consiglio Nazionale Forense e la Corte Suprema di Cassazione per la consultazione online dei ricorsi in cassazione sia civili che penali ed i ruoli di udienza, senza alcun onere per gli avvocati. In seguito all’accordo firmato a novembre scorso, la ricerca e l’interrogazione dei ricorsi civili era già disponibile online, la novità del servizio riguarda l’ambito dei ricorsi penali e l’ampliamento dei professionisti che potranno accedervi, comprendendo l’Avvocatura dello Stato e degli avvocati Inps. Con l’introduzione del sistema di consultazione online sarà alleggerito, il carico di lavoro presso le cancellerie civili e penali della Suprema Corte.

La consultazione online della banca dati sarà possibile solo se in possesso di un certificato di autenticazione rilasciato da una “Certification Authority” riconosciuta dal Cnipa e dal dispositivo di autenticazione (lettore Smart card o Business key) collegato al computer.

E’ possibile accedere al servizio attraverso il link diretto: https://cassazione.consiglionazionaleforense.it.

Oppure attraverso il web link dedicato dal sito istituzionale del Consiglio Nazionale Forense (www.cnf.it) – Area Avvocati -> Corte di Cassazione – > Accesso al Servizio di interrogazione dati dei ricorsi in cassazione.

Potranno accede alla ricerca ed all’interrogazione dei ricorsi: avvocati che hanno almeno un procedimento presso la Cassazione, giudici dei procedimenti presso la Cassazione, rappresentanti di enti che siano parte in almeno un procedimento.

Il sistema attraverso il codice fiscale dell’utente riconosce ed autorizza l’accesso, in allegato alla circolare è stato predisposto, un manuale con gli screenshot del percorso. L’accesso alle informazioni in via telematica consentirà in futuro a seguito della evoluzione tecnologica e normativa di inserire altre notizie e documentazioni.

PRESIDENTI DEI CONSIGLI DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI

e, per conoscenza:

COMPONENTI IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE
LORO SEDI

OGGETTO:SERVIZIO DI INTERROGAZIONE RICORSI PRESSO LA SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

Cari Colleghi e Cari Amici,

il Consiglio Nazionale Forense, rilevata l’importanza del servizio di consultazione dei ricorsi Presso la Suprema Corte, in data 2 novembre 2009 ha rinnovato il Protocollo di intesa che porta la firma del Primo Presidente Vincenzo Carbone.

Installate Presso il Sistema Informatico Cassazione (SIC) nuove macchine server, sono stati sviluppati e messi a disposizione applicativi software di semplificazione operativa ed esteso il servizio alla consultazione delle banche dati che ora comprendono anche i ricorsi penali.

Tra i più rilevanti nuovi servizi, che il CNF offre gratuitamente all’Avvocatura italiana:

1) L’accesso, la ricerca e l’interrogazione comprendono, oggi, anche il Sic dei ricorsi penali;
2) Le logiche di accesso sono state ampliate per consentire un regolare accesso a figure particolari come, tra gli altri, l’Avvocatura dello Stato e gli avvocati Inps.

Per l’interrogazione delle banche dati sarà sufficiente disporre di certificato digitale collegato e recarsi al web link dedicato dal sito istituzionale del CNF (www.cnf.it) seguendo il percorso: “Area Avvocati” -> “Corte di Cassazione” -> “Accesso al servizio di interrogazione dati di ricorso in Cassazione”.

Oppure dal link diretto: https://cassazione.consiglionazionaleforense.it

In allegato alla presente circolare è stato predisposto un breve manuale con gli screenshot del summenzionato percorso.

Vi invito a dare massima diffusione al servizio.

Con viva cordialità.

Avv. Prof. Guido Alpa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × tre =