La Cassazione annulla una delibera approvata all’unanimita` dai soci

La Corte di cassazione, con la sentenza n. 20597 depositata il 4 ottobre 2010, ha decretato la nullita` di una delibera totalitaria dell’assemblea di soci di un’azienda che convalidava un atto illecito ed in contrasto con l’utilita` sociale che l’oggetto sociale dell’impresa di capitali persegue (articolo 41 secondo comma della Costituzione). 
La delibera autorizzava un atto estraneo all`oggetto e destabilizzante per il capitale sociale. Nei fatti: l’amministratore di due societa` aveva indotto i soci di una ad approvare all`unanimita` una fideiussione bancaria che garantiva, per un ammontare superiore al suo stesso capitale sociale, la partecipata in stato di insolvenza.
Il conflitto di interessi dell’amministratore, l’illiceita` dell’atto che destabilizzava il capitale sociale senza una norma statutaria che legittimasse l’operazione e, dunque, in contrasto con l’utilita` sociale che l’oggetto sociale persegue, hanno convinto i giudici di Cassazione a ritenere del tutto nulla la delibera anche se approvata all’unanimita` dai soci.

Fonte: IlSole24Ore – ItaliaOggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove + undici =