Ci inondano di messaggi pubblicitari. Da una parte ci assicurano che possiamo disabilitarli, dall’altra ammettono sottovoce che non è possibile garantire la nostra privacy. Il caso