Particolari problemi interpretativi in seno alla dottrina del processo telematico ha suscitato la questione inerente la possibilità di poter notificare a mezzo PEC il precetto cambiario o su assegno