Il vizio è sanabile con il successivo deposito degli atti in originale