La Cassazione ribadisce come l’art. 380-bis garantisca il contraddittorio, il diritto di difesa e pubblicità dell’udienza