I professionisti “fantasma” non hanno fatto pervenire alcuna dichiarazione dei redditi