Il notaio deve risarcire alla banca mutuante l’intero credito vantato nei confronti del debitore “inesistente”