In tal modo si offre ai clienti un’informazione inadeguata, in contrasto con l’articolo 35 del codice deontologico