La Corte di Cassazione, con la sentenza 15147/2017, ritiene valida la notifica della sentenza presso la cancelleria ove la parte non abbia eletto domicilio nel comune in cui aveva sede l’ufficio giudiziario e abbia indicato la PEC solo per la ricezione delle comunicazioni