Il Tribunale di Roma, nel solco dell’orientamento della Cassazione, valorizza il criterio attributivo-assistenziale