Per la Cassazione, laddove tutte le parti incorrano in errore, il contratto è annullabile a prescindere dall’esistenza del requisito della riconoscibilità