Il giudizio di legittimità è ancora oggi regolato dalle norme processuali che prevedono la notifica e il deposito in cancelleria di atti e documenti in forma analogica