La Regione Toscana apre le porte all’equo compenso applicando per prima le regole dettate dalla nuova legge