Con la sentenza in commento la V sezione della Corte di Cassazione ha annullato la sentenza di assoluzione, ritenendo, invece, utilizzabile e attendibile la copia delle schermate del sito internet su cui erano stati pubblicati gli articoli dal contenuto diffamatorio.