Archivi tag: Notizie veloci

CNF: richiesta dati ai Consigli dell’Ordine degli Avvocati “sub-provinciali”, con riferimento all’art. 1-bis del D.L. 138/2011



N. 21-C-2011
via e-mail
e via telefax
  Ill.mi Signori Avvocati PRESIDENTI DEI CONSIGLI DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI:
ACQUI TERME – ALBA – ARIANO IRPINO – AVEZZANO –   BARCELLONA POZZO DI GOTTO – BASSANO DELGRAPPA –BUSTO ARSIZIO – CALTAGIRONE – CAMERINO – CASALE MONFERRATO – CASSINO – CASTROVILLARI – CHIAVARI – CIVITAVECCHIA – CREMA – GELA – IVREA – LAGONEGRO – LANCIANO – LARINO – LOCRI – LUCERA – MARSALA – MELFI – MISTRETTA – MODICA – MONDOVI’ – MONTEPULCIANO – NICOSIA- NOCERA INFERIORE – NOLA – ORVIETO – PALMI – PAOLA – PATTI – PINEROLO – ROSSANO –ROVERETO – SALA CONSILINA – SALUZZO – SANREMO – SANT’ANGELO DEI LOMBARDI –SCIACCA – SPOLETO – SULMONA – TERMINI IMERESE – TIVOLI – TOLMEZZO – TORRE ANNUNZIATA – TORTONA – VALLO DELLA LUCANIA –  VASTO – VELLETRI – VIGEVANO – VOGHERA
e, per conoscenza
 COMPONENTI IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE 

Continua a leggere

Manovra 2011: aumento del contributo unificato

Ecco la tabella delle novità contenute nella manovra correttiva 2011 approvata con Decreto Legge 6 luglio 2011, n. 98 pubblicato in Gazzetta Ufficiale 6 luglio 2011, n. 155.
Variano gli importi da versare per l’avvio del processo civile, con un aumento compreso tra il 10% e il 20% in base al valore della causa. Prevista inoltre la particolare ipotesi in cui l’avvocato non indica il proprio indirizzo PEC e il proprio recapito fax: sanzione pari al 50% del contributo unificato.

Scarica tabella contributo unificato aggiornata al 06 luglio 2011

Ringrazio il Collega Juri Rudi per la segnalazione.

Con la manovra estiva aumenti del contributo unificato. Eliminate le esenzioni.

L’incremento del contributo unificato da versare per l’introduzione dei vari processi civili, così come da modifica del Decreto legge di manovra approvato lo scorso 30 giugno dal Governo, comporterà i seguenti aumenti: per le cause con valore fino a 1.000 euro si passa dagli attuali 33 euro a 37; per le cause fino a 5.200 da 77 euro a 85; fino a 26.000 da 187 a 206 euro etc… Altra novità, di non poco conto, è l’eliminazione dell’esenzione per le cause di separazione, le controversie tributarie, le cause previdenziali e di lavoro.

Giustizia: da 33 a 3 i riti civili in un testo unico

Un testo unico per razionalizzazione e semplificare la normativa speciale in materia civile a soli tre modelli procedimentali contenuti nei codici: il rito del lavoro, il rito sommario di cognizione e il rito ordinario di cognizione. E’ quanto prevede il decreto legislativo recante Disposizioni in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili di cognizione ai sensi dell’art.54 della legge 69 del 18 giugno 2009 approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri lo scorso 9 giugno. Continua a leggere

Il TAR ha annullato il “regolamento per il riconoscimento del titolo di avvocato specialista”

Il T.A.R. di Roma ha accolto il ricorso proposto da tanti Colleghi per l’annullamento del “regolamento per il riconoscimento del titolo di avvocato specialista” approvato dal CNF nella seduta amministrativa del 24.9.2010.

Qui il testo completo della sentenza.

iLawyers: pratiche e scadenziario di studio sull’iPhone

iLawyers è un’applicazione pensata da un avvocato per gli avvocati e per tutti gli operatori del settore giuridico. Non solo. Grazie infatti alla sua versatilità l’applicazione può essere utilizzata da qualunque professionista che si trovi a gestire scadenzari e pratiche di vario tipo. Continua a leggere

Mediazione: presentato il software per la gestione degli Organismi di conciliazione forensi

Il Consiglio nazionale forense ha presentato oggi ai referenti degli Organismi Forensi di conciliazione e ai responsabili per la mediazione degli Ordini il software per la gestione del procedimento di conciliazione, che sarà loro messo a disposizione gratuitamente tra maggio e giugno. Continua a leggere

Alla Camera il ddl Mugnai sull’opposizione al decreto ingiuntivo

Passa all’esame della Camera il ddl, approvato dalla commissione Giustizia del Senato in sede deliberante il 13 aprile, che fornisce un’interpretazione autentica dell’articolo 165 del Codice di procedura civile in materia di opposizione al decreto ingiuntivo. Continua a leggere

iPad: da oggi è possibile sfogliare il sito www.paoloalfano.it

Il sito da oggi ha una vista ottimizzata per iPad che rende la navigazione dei contenuti simile a quella offerta da tutte le applicazioni per iOS, con i vantaggi dell’HTML5. Basterà accedere al sito www.paoloalfano.it dal browser Safari dell’iPad ed automaticamente comparirà la copertina ed il sito tutto da.. sfogliare.

E’ possibile aggiungere una scorciatoia nella home in maniera da richiamare il sito come una vera e propria webapp. La visualizzazione del sito tramite iPad supporta l’interazione attraverso il tocco, lo scivolamento, la rotazione e tutte le peculiari caratteristiche del famoso tablet.

Sarà possibile visitare il sito come un vero e proprio giornale e gli articoli, con un semplice tap, verranno visualizzati con interfaccia completa per i commenti e funzionalità per la condivisione dei contenuti sui vostri social network preferiti, quali Twitter, Facebook, e WordPress.com.

 

 

Piano straordinario per la digitalizzazione della giustizia

Presentato il 14 marzo 2011 a Palazzo Chigi dai ministri Alfano e Brunetta il piano straordinario per la digitalizzazione della giustizia. Il Piano straordinario è immediatamente operativo, verrà completato in 18 mesi attraverso la realizzazione di tre distinte linee di intervento, digitalizzazione degli atti, invio di notifiche online e pagamenti online e si rivolge a 466 Uffici giudiziari penali e civili . Continua a leggere

Il CNF ha stabilito di non concedere crediti formativi per i corsi per mediatore, salvo…

Consiglio Nazionale Forense seduta amministrativa tenuta il 10 dicembre 2010
O M I S S I S
Il Presidente Alpa riferisce della problematica evidenziata dal Cons. De Giorgi relativa alle richieste di riconoscimento di crediti utili per la formazione permanente a quanti partecipino ai corsi per l’acquisizione della qualifica di mediatore ai sensi del d.lgs. n. 28/2010 e del d.m. n. 183/2010.

O M I S S I S

A seguito della votazione il Consiglio delibera di non concedere crediti formativi ai corsi per l’acquisizione della qualifica di mediatore ai sensi del d.lgs. n. 28/2010, in quanto destinati ad una platea indifferenziata comprensiva altresì di soggetti non iscritti all’albo degli avvocati, nonché in ragione delle materie trattate.
Difatti, ai sensi del d.m. n. 183/2010, la qualifica di mediatore può essere acquisita anche da semplici laureati con diploma di laurea triennale, ovvero da soggetti iscritti in albi diversi da quello degli avvocati e le materie oggetto del corso riguardano soltanto in parte i profili giuridici della mediazione e includono materie che, per la loro eterogeneità, non possono essere ricomprese tra quelle idonee ad assicurare la formazione permanente dell’Avvocato.
Resta, tuttavia, impregiudicata la diversa volontà dei COA che, sulla scorta delle premesse effettuate, potranno orientarsi nel senso di accreditare corsi volti alla qualifica di mediatore rivolti ai soli avvocati e limitatamente ai profili giuridici della mediazione.

Delibera OUA – Astensione dalle udienze dal 16 al 22 marzo

L’ Assemblea dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura Italiana riunitasi in data 18 e 19 febbraio 2011 in Roma presso la Cassa Forense rilevato -che è in atto un progetto legislativo di sostanziale soppressione del diritto di difesa con conseguente frustrazione della tutela giudiziaria del cittadino in violazione degli artt. 24 e 111 della Costituzione;

– che tale disegno favorisce i poteri forti e calpesta i diritti dei deboli e dei cittadini comuni; Continua a leggere

Formazione: il CNF riduce i crediti formativi – 75 per un triennio

Il Cnf, tenuto conto degli esiti del questionario agli Ordini sulla congruità del monte crediti formativi che gli avvocati sono tenuti ad adempiere e tenuto conto delle esperienze europee, alla scadenza del primo triennio di sperimentazione,  ha deciso, nella seduta amministrativa del 25 febbraio, di fissare a 75 i crediti formativi che è obbligatorio cumulare nel triennio, stabilendo che 60 dovranno essere ordinari e 15 in deontologia e ordinamento professionale.

Fonte: http://www.consiglionazionaleforense.it