Una sentenza che farà molto discutere. La Cassazione si pronuncia sull’applicazione anche al delitto di cui all’art. 609-octies c.p. dei principi fissati dalla Corte Cost. con la sentenza n. 265/2010.

Con la decisione in esame la Corte ha affermato che la presunzione relativa di adeguatezza della custodia cautelare in carcere, prevista dall’art. 275, comma terzo, cod. proc. pen. anche per il delitto di violenza sessuale di gruppo (art. 609-octies cod. pen.), dev’essere interpretata alla luce della sentenza della Corte cost. 21 luglio 2010, n. 265 che ha dichiarato l’incostituzionalità della norma processuale, sicché il giudice ha l’obbligo di valutare, quando sussistono gravi indizi di colpevolezza in ordine a tale delitto, se siano stati acquisiti elementi specifici, in relazione al caso concreto, dai quali risulti che le esigenze cautelari possono essere soddisfatte con altre misure.

Cass. Penale SS.UU. n. 4377 del 20 gennaio 2012 – depositata  il 1° febbraio 2012

(Presidente A. Fiale, Relatore L. Marini)

TESTO COMPLETO