Il Consiglio Nazionale Forense chiarisce le ipotesi in cui la notifica dell’atto di precetto, senza preavviso al collega, viola il Codice deontologico