Chiarimento dal Ministero: niente marca da bollo per i ricorsi al GdP contro le sanzioni amministrative

Con nota del Ministero della Giustizia del 28 settembre scorso, la n° 4275, si ribadisce che è tuttora in vigore il principio, contenuto nella legge istitutiva del Giudice di Pace, per cui tutti gli affari sotto i 1.033 euro sono sottoposti soltanto al pagamento del contributo unificato (quindi i 33 euro) restando esenti da ogni altra imposta o tassa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 − 3 =